18/01/2017

Per una medicina che cura e si prende cura

Intervista a Paolo Trenta

A cura di Francesca Memini

Come hai incontrato la Medicina Narrativa e quali gli obiettivi raggiunti in questi ultimi anni?

Ho conosciuto la Medicina Narrativa quando ero dirigente del servizio di Comunicazione e Formazione della ASL3 dell’Umbria, prevalentemente a partire da un interesse personale, come sociologo, e ho promosso il primo laboratorio all’interno della ASL.

In seguito, sono venuto in contatto con l’esperienza del Laboratorio NAME di Firenze, con cui condividevo l’approccio: la Medicina Narrativa come opportunità per sviluppare conoscenza e modificare comportamenti all’interno delle organizzazioni sanitarie.
Nel 2009 abbiamo iniziato con un convegno informativo, per dissipare i dubbi e i pregiudizi sulla Medicina Narrativa. Per esempio si trattava di chiarire che non si tratta di un approccio “buonista” o antiscientifico, né di medicina complementare. Abbiamo voluto fondare le premesse culturali, definire il metodo e gli strumenti per una Medicina Narrativa intesa come approccio che migliora la cura. Il Convegno “Dalle Storie le cure” è diventato un appuntamento che si tiene annualmente a Foligno ogni aprile.
Al convegno è seguita l’attivazione di un laboratorio di Medicina Narrativa: per dimostrare che si tratta di un approccio applicabile, interessante ed idoneo, abbiamo scelto un’area con una grande vocazione narrativa come quella della riabilitazione neurologica, coinvolgendo professionisti già formati a un approccio relazionale. Il laboratorio – che ho guidato insieme a Mauro Zampolini e Pierlugi Brustenghi - ha coinvolto da subito diverse figure professionali, dal primario agli infermieri, dai logopedisti ai fisioterapisti. 
Oggi il laboratorio sta proseguendo, sperimentando l’utilizzo di un nuovo strumento, Digital Narrative Medicine (DNM . Si tratta della prima piattaforma per la Medicina Narrativa Digitale ideata da Cristina Cenci e dal Center for Digital Health Humanities.
Io nel frattempo sono andato in pensione e in questi anni mi sono occupato soprattutto di formazione in “pillole” attraverso Laboratori Esperenziali,  e  follow up per una costante manutenzione delle competenze, una sorta di richiamo, come per le vaccinazioni per sviluppare un “saper divenire” nei professionisti.


Cosa serve per permettere alla MN di affermarsi nelle organizzazioni sanitarie e nella pratica clinica?
Servono 3 ingredienti fondamentali: legittimazione istituzionale (come è stato con la conferenza di Consenso), formazione continua dei team (che non devono mai essere mono-professionali) e operatori motivati. 
Come fare? Quello che stiamo cercando di fare con l’Osservatorio di Medicina Narrativa Italia (OMNI), associazione di cui sono presidente, è promuovere la cultura e la rete, facilitando lo scambio di esperienze relative alla pratica clinica, attraverso strumenti come OMNI Network, il social network della Medicina Narrativa.
In quest’ultimo anno abbiamo intensificato le collaborazioni soprattutto con le associazioni di pazienti, che scoprono nella MN un fondamentale strumento di empowerment: è il caso del corso #Volerenonbasta.


I prossimi 2-3 anni saranno cruciali per l’affermazione della Medicina Narrativa: è forte l’esigenza di una medicina  “vera”, di una medicina che cura e si prende cura. L’interesse e l’accoglienza per quest’approccio, manifestato su più fronti in questi ultimi anni, devono essere trasformati in pratica clinica e condurre a risultati concreti. Nel piano della Regione Umbria, la Medicina Narrativa ha ricevuto spazio perché esistono ci sono dei parametri di valutazione, come la soddisfazione dei malati e la qualità delle cure ricevute, e risultati dimostrabili e reali raggiunti.


Quale credi sia il ruolo della SIMeN in questo panorama?
La SIMeN è una società scientifica e pertanto il suo compito è quello sia culturale, far conoscere  ad un numero sempre più ampio la Medicina Narrativa, sia quello di promuovere la Medicina Narrativa come pratica scientificamente costituita e con un metodologia rigorosa. Penso inoltre che la nostra società debba  cercare un dialogo con le istituzioni e i decisori politici per contribuire a costruire una promozione”  ufficiale” della MN.


3 letture che consiglieresti a chi si avvicina alla MN
Atul Gawande, Essere mortale, Einaudi
Stefania Polvani, Cura alle stelle 
Alfredo Zuppiroli, Le trame della cura 
Ringraziamo la redazione di OMNI

Potrebbero interessarti anche ...

Quel medico sa ascoltare

Comprendere le storie ci rende umani