×

RACCONTACI LA TUA STORIA

VISITA LA PAGINA FACEBOOK

Facebook Viverlatutta
Affidarsi alla bellezza

La via della salvezza. Dopo tanti anni dalla terapia radiante l'insufficienza respiratoria ha compromesso il cuore. Un cuore che era sempre stato sano ed efficiente, un cuore dalle grandi e forti emozioni, un cuore pieno d'amore. Per la vita, per la famiglia, per il lavoro, per la natura. Ed è alla bellezza della natura che lei si è sempre affidata, alla straripante bellezza di una natura matrigna oltre che bella oltre ogni immaginazione. Deve continuare ad affidarsi alla natura ossimoro, contraddittoria, brutale e struggente che le ha imposto la malattia, ma che lei ha sempre voluto vivere pienamente, nella sua interezza, nei tesori di bellezza che è sempre stata capace di donare, quei tesori che lei ha sempre sentito suoi come la malattia con cui la natura matrigna aveva cercato e continuava a cercare di piegarla. Se la sua mente è stata coinvolta nel dolore del corpo, adesso il corpo è ripiegato su se stesso, ma uno scatto d'orgoglio può cambiare le cose, la stessa ambivalenza della natura può salvarla , se lei riuscirà di nuovo ad appagarsi della struggente bellezza della natura che non è mai soltanto matrigna. Dipingere, rintracciare di nuovo le dissolvenze, le nebbioline che sfumano i particolari, scoprendo il fiabesco che ci circonda, che c'è dietro ad ogni cosa, questa e solo questa per il momento è la via della salvezza. Lo è per me

COMMENTA LA STORIA

Per accedere a questa funzione è necessario essere registrati e superare la login